Santa Maria della Marca

Castelfiorentino, diocesi di Volterra

 

 

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 22,34-40)

Allora i farisei, udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova: "Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?". Gli rispose: "Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti".

 

Amore ricevuto e amore dato

Il comandamento grande si riassume in un verbo: amerai. Un verbo al futuro, a indicare una azione mai conclusa, che durerà quanto il tempo. Amare non è un dovere, ma una necessità per vivere. E vivere sempre. Con queste parole possiamo gettare uno sguardo sulla fede ultima di Gesù: lui crede nell'amore, si fida dell'amore, fonda il mondo su di esso. «La legge tutta è preceduta da un "sei amato" e seguita da un "amerai". "Sei amato" è la fondazione della legge; "amerai", il suo compimento. Chiunque astrae la legge da questo fondamento amerà il contrario della vita» (Paul Beauchamp). Amerà la morte. Cosa devo fare per essere veramente vivo? Tu amerai. Con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutta la mente. Appello alla totalità, per noi inarrivabile. Solo Dio ama con tutto il cuore, lui che è l'amore stesso. La creatura umana ama di tanto in tanto, come a tentoni, e con cento contraddizioni. La Bibbia lo sa bene, infatti il testo ebraico direbbe alla lettera così: amerai Dio con tutti i tuoi cuori. Ama Dio con i tuoi due cuori, con il cuore che crede, e anche con il cuore che dubita. Amalo nei giorni della luce, e come puoi, come riesci, anche nell'ora in cui si fa buio dentro di te. Sapendo che l'amore conosce anche la sofferenza. E chi più ama, si prepari a soffrire di più (Sant'Agostino). Alla domanda su quale sia il comandamento grande, Gesù risponde offrendo tre oggetti d'amore: Dio, il prossimo, e te stesso. L'amore non veglia solo sulle frontiere dell'eterno, ma presidia anche la soglia di una civiltà dell'amore. È pieno di creature, lì. E lì sta il discepolo. E il secondo è simile al primo. Amerai l'uomo è simile all'amerai Dio. Il prossimo è simile a Dio. Il prossimo ha volto e voce, bisogno di amare e di essere amato, simili a quelli di Dio. Terzo oggetto d'amore: amalo come (ami) te stesso. Àmati come prodigio della mano di Dio, vita della sua Vita, moneta d'oro coniata da lui. Ama per te libertà e giustizia, dignità e una carezza, questo amerai anche per il tuo prossimo. Prodigiosa contrazione di tutta la legge: quello che desideri per te, fallo anche agli altri. Perché se non ami la bellezza della tua vita, non sarai capace di amare nessuno, saprai solo prendere e accumulare, fuggire o violare, senza gioia né stupore, senza bellezza del vivere. E per non perderci nel romanticismo, la Bibbia si fa concreta e provocatoria: amerai la triade sacra: la vedova, l'orfano e lo straniero, l'ultimo arrivato, il dolente, il fragile. E se presti denaro non esigerai interesse. E al tramonto restituirai il mantello al povero: è la sua pelle, la sua vita (Esodo 22,20-26). Al di fuori di questo, costruiremo e ameremo il contrario della vita.

 

 

 

 

Agenda settimanale

25 Domenica - 30.a del Tempo Ordinario (anno A) S. Miniato; S. Gaudenzio

Es 22,20-26; Sal 17; 1Ts 1,5c-10; Mt 22,34-40 Ti amo, Signore, mia forza

9:00 Santa Messa def.: Sabatini Lido e famg.

11:15 Santa Messa def.: Cirpiani Aldo

17:00 Santa Messa def.: Borgiotti Arrigo e Tinti Marina

26 Lunedì - 30.a del Tempo Ordinario Ss. Luciano e Marciano; B. Damiano Furcheri

Ef 4,32-5,8; Sal 1; Lc 13,10-17 Facciamoci imitatori di Dio, quali figli carissimi

17:00 Santa Messa def.: Quaranta Antonio, Francia Elisabetta e Verriola Casimiro

27 Martedì - 30.a del Tempo Ordinario S. Evaristo; S. Gandioso; B. Bartolomeo di Breganze

Ef 5,21-33; Sal 127; Lc 13,18-21 Beato chi teme il Signore

17:00 Santa Messa def.: Cresti Luigi

28 Mercoledì - SS. SIMONE E GIUDA, APOSTOLI (f) – P SS. SIMONE E GIUDA, apostoli (f); S. Ferruccio

Ef 2,19-22; Sal 18; Lc 6,12-19 Per tutta la terra si diffonde il loro annuncio

17:00 Santa Messa def.: Ciacci Reno e Fontanelli Silvano

29 Giovedì - 30.a del Tempo Ordinario S. Onorato di Vercelli; S. Gaetano Errico; S. Zenobio

Ef 6,10-20; Sal 143; Lc 13,31-35 Benedetto il Signore, mia roccia

17:00 Santa Messa def.: Drande Tom Ukaj

30 Venerdì - 30.a del Tempo Ordinario S. Marciano di Siracusa; S. Germano di Capua

Fil 1,1-11; Sal 110; Lc 14,1-6 Grandi sono le opere del Signore

17:00 Santa Messa def.: famg. Grazzi Terzo e Ottavia

31 Sabato - 30.a del Tempo Ordinario S. Quintino; B. Tommaso da Firenze Bellaci; S. Volfgango

Fil 1,18b-26; Sal 41; Lc 14,1.7-11 L'anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente

17:00 Santa Messa def.: Marini Mario

1 Domenica - TUTTI I SANTI (s) – P TUTTI I SANTI (s); S. Cesario; S. Licinio

Ap 7,2-4.9-14; Sal 23; 1Gv 3,1-3; Mt 5,1-12a Ecco la generazione che cerca il tuo volto, Signore

9:00 Santa Messa def.: per i popolo

11:15 Santa Messa def.: Famg. Malquori e Bacchi

17:00 Santa Messa def.: secondo le intenzioni dell'offerente

 

Ottavario dei defunti

Domenica 1 Novembre benedizione delle tombe presso il cimitero della Misericordia

Lunedì 2 Novembre benedizione delle tombe presso il cimitero comunale

Da Martedì a Venerdì santo Rosario e messa in parrocchia per i tutti i defunti

 

Nei giorni 1 e 2 Novembre le sante messe saranno celebrate in parrocchia e non al cimitero

causa emergenza covid-19 con il seguente orario

 

Domenica 1 Novembre ore 9.00-11.15-17.00

Lunedì 2 Novembre ore 10.00 e 17.00

Posted by don Valentino Saturday, October 24, 2020 9:35:07 AM

Comments

 
1 + 5 =